a

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium natus error sit omnis iste natus error sit voluptatem accusantium.

@2018. Select Theme All Rights Reserved.

top

annalisa mauri  / architetto

Architetto e designer d’interni, Annalisa Mauri si laurea a pieni voti a metà anni Novanta presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Il rapporto con l’ateneo prosegue anche successivamente: diventa docente e svolge attività di ricerca presso il Dipartimento di Architettura e Pianificazione.

Parallelamente all’attività didattica, nel ’96 inizia la libera professione con progetti sia in Italia che all’estero: Architettura, Interior, Design, Urbanistica sono i suoi ambiti di competenza.

Pubblica numerosi testi focalizzando l’attenzione su composizione architettonica, urbanistica e grandi progettisti del Novecento.

il linguaggio progettuale

Volumi essenziali, linee pulite, un disegno dello spazio che coniuga linearità e funzionalità: è questo il tratto che emerge dai suoi lavori. Uno stile fatto di dettagli (cromatici, estetici, materici) che creano un equilibrio armonioso tra eleganza e raffinatezza. Ogni progetto firmato Annalisa Mauri – che sia un edificio o un appartamento, una scala o un tavolo – è dialogo tra gli elementi compositivi, è equilibrio volumetrico, è ricerca, è studio della luce. Un’essenzialità armonica fatta di purezza e linearità, capace di esprimere sempre grande calore.

research & inspiration

All’insegna della ricerca
Parte fondamentale del lavoro di Annalisa Mauri è la ricerca: con passione e tenacia è capace di scoprire materiali particolarmente performanti, fornitori disseminati nel mondo che contatta direttamente, creando un rapporto di fiducia con chi fornisce ogni singolo elemento che andrà a comporre il suo progetto. Per questo ogni dettaglio è scelto con cura minuziosa.

Parallelamente, stile di vita e sensibilità estetica, dinamiche e abitudini sono elementi coi quali costruire affinità tra architetto/progettista e cliente/destinatario: ogni suo progetto non prescinde mai da chi, quello spazio, lo vivrà quotidianamente.